Esce “Guerre Vaticane”, il nuovo libro del vaticanista Rai Enzo Romeo ()

di Redazione, del 29 ottobre 2012

Con il processo al maggiordomo sembrano essersi acquietati i venti di guerra che nei mesi passati hanno agitato la piccola Città del Vaticano. Denunce, fughe di documenti, talpe, veleni e quant’altro hanno tenuto desta l’attenzione dei media creando, però, non poco sconcerto tra i fedeli e tra quanti si aspetterebbero che ad occupare l’attenzione e le giornate della curia romana non vi siano di certo loschi intrighi e trame segrete. 
Di colpo la Chiesa è sembrata essere precipitata nel medioevo con situazioni che ricordano più da vicino le scene di un romanzo di Ken Follet che non quella Chiesa che celebra i 50 anni del Concilio e della sua apertura al mondo e alla modernità.
Ma com’è possibile che accada tutto questo? È proprio questa la domanda che il libro di Romeo si pone e a cui fornisce utili risposte. Il volume infatti, oltre a ricostruire i pezzi di un puzzle e a ricomporli in un disegno che possa dare senso al tutto, spiega, attraverso la non comune conoscenza che l’autore ha del “piccolo mondo Vaticano” come è stato definito da Valli, come proprio l’organizzazione e la strutturazione della curia romana abbiano consentito l’esplodere della vicenda “Vatileaks” e di tutte le situazioni annesse.
Il tutto nasce sostanzialmente, spiega l’autore, da un problema di organizzazione e di concorrenza fra i mille frammenti che compongono la curia romana, un problema di organizzazione, dunque, e di gestione o meglio di capacità di gestione. Qualità che, a detta di molti commentatori, manca all’attuale pontefice più propenso agli studi che non a stare dietro al complessi meccanismi di curia.
A completare e arricchire il libro, ci sono una serie di riflessioni sui problemi che la Chiesa si troverà presto ad affrontare in maniera diretta: dal ruolo delle donne al celibato dei sacerdoti, alla pedofilia. Non potevano infine mancare ipotesi e indiscrezioni sul totonomine relativo al prossimo successore di Pietro.