Karol Wojtyla
Discorsi al Popolo di Dio
introduzione di Rocco Buttiglione

A cura di Flavio Felice

Special Price €11,90

Prezzo Pieno: €14,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Novae Terrae
2006, pp XIV+276
Rubbettino Editore, Fede e Spiritualità
isbn: 9788849815115
Prefazione di Luca Volontè
Soffiava il nuovo vento dell'Est. Soffiava là, dove era in corso il più imponente e organizzato tentativo di rinchiudere l'uomo dentro la misura di se stesso. Soffiava nella terra del Gulag, dove vivere e morire erano accidenti senza significato, ogni memoria di antiche libertà era cancellata, diritti e dignità erano calpestati da un arbitrio senza controlli. Soffiava quel vento, mosso dal sussulto dello spirito dell'uomo e dello Spirito di Dio, schiudendo al respiro dei popoli orizzonti di desiderio e albori di certezza oltre l'angusto muro costruitogli addosso con ferocia da un Principe che aveva per ministri l'Ideologia, la Polizia e il Piano quinquennale.
Soffiava quel vento, e attizzava sotto le ceneri grigie dello stato-partito il fuoco mai spento di una vita nascosta nelle viscere di popoli, dove da un millennio era stata deposta come seme fecondo la Parola dell'annuncio cristiano:“Non siete più servi, ma figli” e aveva portato per un millennio frutti di vita e di cultura.
Poi quel vento s'è fatto più forte e, impetuoso, ha portato a noi, da oltre le cortine che dividevano i sistemi che imprigionavano, il figlio di un popolo cristiano, perché sedesse sulla cattedra del Magistero della Verità e guidasse la Chiesa e l'umanità nel cammino della libertà e della giustizia.
Il volume contiene una scelta delle omelie del Cardinale Wojtyla, allora Arcivescovo di Cracovia, tenute tra il 1976 e il 1978. I traduttori hanno inteso conservare anche nel testo italiano l'immediatezza della parola parlata quale risuona nel testo polacco. L'ordine è cronologico, ma raccolto attorno a tre temi fondamentali: le feste dell'anno liturgico, i grandi pellegrinaggi ai santuari, la vita cristiana nelle parrocchie. Alla fine, le omelie per la morte di Paolo VI e Giovanni Paolo I che delineano quasi un autoritratto.