Così l'individuo aiuta la società a liberarsi della politica (Il Giornale)

di Gampietro Berti, del 08 gennaio 2016

Idee di libertà

Economia, diritto, società

A cura di ,

Da Il Giornale dell'8 gennaio

La sociologia novecentesca ha prodotto molte teorie dirette a spiegare il funzionamento della società. Ridotte all'osso, le possiamo schematizzare in due opposti punti di vista sintetizzatili nelle interpretazioni di Emile Durkheim e di Max Weber. Il primo afferma che i fatti sociali sono modi di pensare, di sentire e di agire esterni all'individuo e dotatati di un potere di coazione in virtù del quale si impongono a esso; il secondo dichiara che si deve concepire la società come la somma delle azioni individuali. La raccolta di saggi Idee di libertà. Economia, diritto, società, curata da Nicola Iannello e Lorenzo Infantino (Rubbettino, pagg. 213, euro 13) sembra orientata a convergere in sostanza con l'interpretazione di Weber.
Il comune punto di riferimento dei vari autori è l'individualismo metodologico. Questo afferma che ogni azione umana ha in ultima analisi un carattere individuale, che qualunque situazione storico-sociale non è mai ottimale, dato che le risorse sono sempre scarse, e che ogni scelta formulata senza coercizione esprime un'inequivocabile dimostrazione di libera preferenza. Perciò tutti gli autori avversano le presunzioni del ceto politico che pretende di guidare dall'alto i processi sociali; si tratta di un costruttivismo razionalista pervaso dalla convinzione di poter imbrigliare la vita sociale, quando invece è destinato ogni volta a tradursi in un fallimento rispetto ai propositi messi in atto. Esso infatti non tiene conto della complessità dei fenomeni legati all'agire umano, i cui effetti inintenzionali sfuggono a ogni volontà preventiva di controllo e di direzione: è il mercato, infatti, e non la pianificazione che alla fine decide.
Di qui la conclusione: se si crede che spetti alla politica risolvere tutti i problemi, ne consegue il conferimento di un potere enorme alla politica stessa con il risultato di produrre sempre insuccessi. È necessario ripensare il rapporto tra potere e cittadini nella prospettiva di un superamento della logica politica per ridurre al minimo il ruolo del potere. Pertanto solo la cooperazione volontaria e spontanea, fondata sulla trama delle relazioni sociali quale forma razionale di libera interazione fra tutti i partecipanti, è in grado di risolvere i problemi. Solo questa cooperazione può dar vita a un ordine in cui gli individui possono contribuire a conseguire un assetto spontaneo in piena sintonia con le aspettative generali della società, sempre nell'ovvia consapevolezza che non si raggiungerà mai la perfezione, ma il perfettibile.

di Gampietro Berti

clicca qui per acquistare il volume con il 15% di sconto