Congedo da Goethe

Special Price €20,40

Prezzo Pieno: €24,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2019, pp 312
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione
isbn: 9788849858464
Tag: goethe, noica, filosofia

Traduzione e introduzione di Davide Zaffi
Relegato senza motivi concreti al confino in un piccolo paese della pianura valacca dal regime stalinista rumeno nel 1949, il filosofo Constantin Noica può portare con sé solo l’opera omnia di Goethe e pochi altri libri. Nella solitudine e nell’estrema povertà del luogo comincia a scrivere un’originale monografia sul gigante di Weimar nonché una molto personale interpretazione del Faust. Noica dichiara la sua ammirazione per Goethe (e chi potrebbe mai negargli ammirazione?) ma lo coglie nel suo unico, benché decisivo, punto debole: non ha senso filosofico, se, come fa, dice di sì a tutto. Questo atteggiamento si rivela nella concezione goethiana della natura, delle scienze e dell’uomo ovvero della cultura. In ogni campo Goethe tocca ma non supera mai il limite oltre al quale inizia la filosofia, intesa come riconoscimento della caduta del mondo, e quindi del suo disordine, e della necessità di ritrovare o postulare un ordine, che potrà essere pensato in qualunque modo, ma che non può essere pensato se non dalla ragione e trovarsi perciò conforme ad essa. Per Noica il Faust dimostra, che ne fosse cosciente il suo autore oppure no, come si vive quando il pensiero non trova alcuna necessità nella sua libertà: si vive nel possibile, nella neutralità, nel regno in cui si è rifugiato il diavolo, dopo la moderna abolizione dell’inferno. Il vero protagonista della Tragedia (che tragedia però non è, né può essere, mancando l’aspetto della necessità) si rivela essere Mefistofele. L’ultimo capitolo del libro di Noica prova ad illustrare una via d’uscita dalla dimensione del solo possibile nella quale ha vissuto il Novecento europeo.

+ Rassegna stampa