,
Camillo Pellizzi
La ricerca delle élites tra politica e sociologia (1896-1979)

Special Price €18,70

Prezzo Pieno: €22,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2003, pp 434
Rubbettino Editore
isbn: 8849806878
La Fondazione Ugo Spirito, che conserva l’archivio di Camillo Pellizzi, ha promosso un progetto di ricerca sugli aspetti politici e intellettuali dello studioso; questo volume rappresenta un primo approccio alla riflessione scientifica su un personaggio finora trascurato dagli studi. Dall’Italia di Caporetto alla Londra dei primi governi laburisti, dall’Italia della seconda guerra mondiale, della sconfitta e poi della ricostruzione, alla Parigi degli anni Cinquanta, questi sono solo alcuni dei momenti salienti del complesso e originale percorso esistenziale e intellettuale di Camillo Pellizzi. Dopo numerosi studi su esponenti della galassia ideologica fascista, non poteva essere ignorata la figura di chi – a giudizio di gran parte della storiografia sul ventennio – rappresenta uno dei più significativi teorici del regime mussoliniano. Da Bottai a Longanesi, da Maccari a Pound, da Spirito allo stesso Mussolini, questi i principali interlocutori di un intellettuale che si è illuso di compiere una rivoluzione nell’Italia della vittoria mutilata. Ma Pellizzi è un personaggio interessante non soltanto per gli studi sul fascismo. Nel dopoguerra egli è stato il primo – e unico per oltre un decennio – professore titolare di una cattedra di sociologia ed uno dei maggiori referenti per una intera generazione di sociologi e politologi, da Franco Ferrarotti a Giovanni Sartori. Nel 1960 ha fondato e diretto una delle più autorevoli riviste del settore, la «Rassegna italiana di sociologia». Questo volume rappresenta una occasione per raccontare, tra le pieghe delle vicende di un uomo nato negli ultimi anni dell’Ottocento, aspetti e momenti significativi della storia politica e culturale dell’Italia del Novecento. Premio di cultura Città di Santa Marinella 2004 Santa Marinella (RM)