Breve Trattato
Sulle cause che possono far abbondare d'oro e d'argento i regni privi di miniere, con applicazione al regno di Napoli

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana:
2015, pp 162
Rubbettino Editore, Economia e Finanza, Problemi e processi economici
isbn: 9788849845662
Prefazione di Giuseppe Nicoletti, Oreste Parise, Antonio Scarcello

Il Breve trattato, scritto in carcere e pubblicato nel 1613 dall’editore napoletano Lazzaro Scorriggio, soltanto nel 1750 è stato posto all’attenzione di studiosi ed accademici dell’epoca, in virtù della citazione e dell’elogio contenuti nel trattato Della moneta dell’abate Ferdinando Galiani, il cui prestigio era riconosciuto nell’intera Europa. Da allora il libro di Antonio Serra, scritto e ristampato in decine di edizioni nell’originaria lingua volgare del’600 e finora tradotto in inglese e portoghese, ha continuato e continua a suscitare interesse e varietà di interpretazioni e critiche, anche al di fuori delle discipline puramente economiche. Le tre parti in cui è suddiviso il Breve trattato danno separatamente e nell’insieme la misura della distinzione del lavoro di Serra da analoghi scritti dei suoi contemporanei, agli inizi di un secolo in cui manca ancora l’autonomia scientifica dell’economia e le osservazioni sui fenomeni economici sono per lo più legate ad analisi di carattere filosofico, raccomandazioni di ordine morale e consigli dati al monarca nell’interesse delle classi dominanti. Sarà agevole per ogni lettore rilevare nell’opera di A. Serra, l’affermazione dei seguenti principi fondamentali, a loro volta rivelatori della personalità e del pensiero dell’Autore: il primato della politica e di un assetto istituzionale non assoluto per decisioni che assicurino, in un’economia aperta, la convivenza della libertà di mercato con la giustizia sociale; la centralità e complementarietà dei fattori reali e strutturali (cause) nel determinare la ricchezza e la crescita economica (effetti) di uno Stato; l’interdipendenza tra fattori reali e finanziari.