Berlusconiani e antiberlusconiani
La guerra civile "fredda" della Seconda Repubblica

Special Price €0,84

Prezzo Pieno: €0,99

* Campi Obbligatori

Special Price €0,84

Prezzo Pieno: €0,99

aggiungi al carrello aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2012
Rubbettino Editore, Politica, Scienza e teoria politica
isbn: 9788849834918
Tag: berlusconi, berlusconiani, antiberlusconiani, berlusconismo, forza italia

Qual è la vera identità politica della Seconda Repubblica? Su cosa si basa la forma male abbozzata di bipolarismo che abbiamo conosciuto? Tangentopoli ha spazzato via o delegittimato, come in un vortice, tutte le tradizioni politico-ideologiche sulle quali si era costruito, per un cinquantennio, il sistema istituzionale della Prima Repubblica. Il loro posto, nel ventennio cosiddetto della Seconda Repubblica, è stato preso dal berlusconismo (a destra) e dall’antiberlusconismo (a sinistra): due culture politiche sui generis, polemiche e conflittuali, povere intellettualmente e prive di respiro progettuale, caratterizzate da un eccesso di radicalismo verbale e da una visione demonizzante dell’avversario politico. Tutti elementi che hanno contribuito a trasformare la lotta tra partiti in una guerra civile strisciante, ad indebolire la percezione dell’interesse generale e il senso di appartenenza degli italiani ad una stessa comunità nazionale e a marginalizzare le correnti riformiste e liberali presenti nei diversi schieramenti.