Benedetto Croce e la crisi della civiltà europea
Tomi I e II

Special Price €21,25

Prezzo Pieno: €25,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2003, pp 456
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Storia della filosofia occidentale
isbn: 9788849806212
Questo libro si propone di affrontare una serie di problematiche inerenti al rapporto fra Croce e la cultura della crisi. Dal confronto con le scienze sociali – più complesso di quanto spesso si creda – al sottovalutato ruolo di Schopenhauer nella sua vicenda filosofica, dalla critica delle avanguardie letterarie-intellettuali in Italia all’inizio del secolo, al giudizio su Pirandello e Nietzsche; dall’atteggiamento ambivalente da lui assunto di fronte alla Grande Guerra, fra realismo politico e riaffermazione dell’humanitas europea, all’evoluzione della sua riflessione su Machiavelli, alla ricostruzione delle sue posizioni sull’irrazionalismo filosofico e politico. Chiude un’appendice sul dialogo-scontro con la tradizione italiana del socialismo liberale, riformista e liberal-socialista. L’intento è da un lato di fornire una serie di risultati puntuali che risultano da uno studio dettagliato delle pagine crociane, rilette in modo diacronico, con particolare attenzione alle “varianti” effettuate dall’autore stesso; dall’altro di offrire spunti di riflessione per ripensare l’idea crociana della modernità e la sua filosofia politica. L’immagine che emerge rafforzata è quella di un Croce filosofo europeo, di cui vengono sottolineate sia le folgoranti intuizioni e le illuminanti analisi della cultura e civiltà novecentesca, che i limiti che gli impedirono di comprendere fino in fondo la realtà contemporanea.

Potresti essere interessato ai seguenti libri