Autointervista sul federalismo

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2010, pp 82
Rubbettino Editore, Politica, Struttura e processi politici
isbn: 9788849826470
L'autointervista dell'attuale Presidente della Regione Calabria, è un tentativo di temperare l'enfasi che circola nel nostro Paese sul ruolo salvifico del federalismo.
Se è vero che il federalismo (quello fiscale in particolare) spingerà tanti territori ad evitare sprechi di risorse appartenenti alla comunità nazionale e quindi a perseguire un più adeguato livello di responsabilità delle classi dirigenti che governano, è anche vero che è destinato a mostrare le ingenti disparità esistenti tra un territorio e l'altro dell'Italia.
Una consapevolezza, questa, presente nel governo, che, nel depositare alla Camera il relativo testo di legge, si è dichiarato impotente a stabilire preventivamente i costi che il federalismo fiscale comporta per le finanze italiane, già dissestate da un imponente debito pubblico.
c'è poi una domanda, che serpeggia nell'autointervista, destinata a rappresentare l'assillo dominante di queste pagine: che fine farà l'unità del Paese messa così a dura prova da spinte contrapposte?
Non sfugge a nessuno, infatti, che gli obiettivi che il nord ed il sud del Paese sembrano inseguire siano diversi. II primo punta a trasformare l'antica pulsione secessionista in una fuga liberatoria verso i ricchi Lènder tedeschi e a costruire, privo del pesante fardello meridionale, un "club" di sole regioni ricche. Il secondo tenta con crescente disperazione di restare abbarbicato ad uno Stato unitario che di fatto da qualche lustro non esiste più.
l'Italia unita sognata in secoli lontani da Dante, Petrarca, Macchiavelli, Leopardi, Manzoni, Foscolo cessa di essere "istituzione" per come l'abbiamo conosciuta a partire dal 1861, e ritorna ad essere una mera astrazione poetica. Con tutta la carica di suggestione evocativa che implica, ma priva di vincoli e di "quel desiderio di vivere insieme" che Renan pone alla base della vita stessa di una nazione.