Aria Rossa una dimora di storia e cultura (Il Quotidiano della Calabria)

di Alessia Salomone, del 01 agosto 2012

Da Il Quotidiano della Calabria - 1 agosto 2012
Un luogo della memoria, una dimora storica da mantenere aperta, dove conservare la storia e le tradizioni. Una luce sempre accesa sul portone vuole comunicare il sentimento dell'amicizia, della convivialità e del calore. Aria Rossa non è semplicemente una tenuta. Ha rappresentato un punto centrale di incontri tra persone e personaggi e ha mantenuto un coagulo di relazioni umane proficue. Ha rappresentato un riferimento di accoglienza, di amicizia, di incontri e di conoscenza.

Aria Rossa, luogo di storia e tradizione, si affaccia verso e domina la straordinaria Valle del Savuto.

È situata a mille metri di altezza, a pochi chilometri da Cosenza, e dai paesi Malito, Grimaldi, Altilia e Rogliano. Un antico palazzo costruito alla fine del 1800 nella provincia di Cosenza. Nel tempo è diventata dimora storica delle generazioni della famiglia Mancini che la utilizzavano, per lunghi mesi, come residenza estiva.

Un luogo dove riflettere e meditare. È per questo che l’Associazione Amici dell’Aria Rossa ha organizzato “Gli incontri” che prenderanno il via il prossimo 10 agosto, per una due giorni di dibattiti e confronto.

Appuntamento alle 18.30 con il convegno dal titolo “Oltre l'emergenza, cosa fare per conservare in salute il paesaggio e il territorio", al quale parteciperanno oltre ai sindaci della Valle del Savuto, anche Carlo Tansi, geologo Irpi-Cnr, Matteo Cosenza, direttore del "Quotidiano della Calabria", Giovanni Olivito del Rotary club Rogliano, Giuseppe Rogato, del Wwf Calabria e Giuseppe Tagarelli Isn-Cnr. A seguire, la presentazione del portale letterario, storico, naturalistico e di nuova tecnologia "Viaggio in Calabria". Alla cerimonia di presentazione prenderanno parte l'editore Florindo Rubbettino, lo storico Vittorio Cappelli, l'ambientalista e scrittore Francesco Bevilacqua. Tra un dibattito e l'altro, ci sarà spazio per i sapori. A "Cuoche per caso" di Valeria Vocaturo sarà affidato l'angolo dedicato alle degustazioni. Da accompagnare rigorosamente, ad un buon calice di vino. Si potranno assaporare le uve di "Poderi Marini" di Maria Paola Marini. Dalle 24 in poi, lettura del cielo con il professor Franco Piperno.

Aria rossa rimarrà aperta anche sabato 11 agosto.

"Le quattro volte" di Michelangelo Frammartino. Oltre al regista, saranno presenti Annarosa Macrì, giornalista Rai, Bruno Roberti, docente dell'Università della Calabria e Franco Dionesalvi, scrittore. Un progetto ambizioso quello di Aria Rossa che vuole realizzare, in collaborazione con realtà locali di eccellenza e coinvolgendo risorse lavorative locali, un vero e proprio circuito culturale turistico per far conoscere e dare impulso alle caratteristiche di un territorio capace di conservare le proprie tradizioni.
Un ringraziamento particolare alle donne presenti all’evento start up come Maria Paola Marini e Valeria Vocaturo. E poi, “ Le Artigiane” di Livia Nanni che hanno realizzato una pochette con carta di giornale con i loghi dell’evento.

La borsetta - ha dichiarato Giosi Mancini - conterrà la tessera di socio dell'associazione per l'anno 2012-2013 e sarà realizzata con la carta della Gazzetta dello Sport e del Sole 24 ore. Bisogna impegnarsi per dare valore alla Calabria che vale).

Di Alessia Salomone