Marianna Gensabella Furnari
Alle frontiere della vita Eutanasia ed etica del morire/1

Special Price €10,53

Prezzo Pieno: €12,39

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2001, pp 106
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione
isbn: 9788849802440
è possibile e in che senso parlare di un ''aiuto a morire''? Quando cessa ogni speranza di guarigione, e la vita che rimane diviene sempre meno accettabile, quale compito spetta ad una medicina che voglia al di là della ''thecne'' tenere fede alla sua ''humanitas'? è possibile, al di là delle contrapposizioni tra sacralità della vita e qualità della vita, trovare un terreno comune, dei valori condivisibili che ci aiutino a lavorare insieme per la ''cura'' del malato terminale? Frutto di una ricerca interdisciplinare, che ha coinvolto docenti e ricercatori dell'Università di Messina, appartenenti all'area medica, giuridica e filosofica, e coordinata da marianna Gensabella Furnari, questi atti di convegno rileggono la domanda di eutanasia come domanda di cura, cercando di cogliere le implicanze etiche e giuridiche del nostro rispondere. Tra le ragioni del si e quelle del no all'eutanasia, le relazioni dei medici e dei filosofi si impegnano nell'ampio terreno comune della difesa della qualità della vita del paziente terminale. Un terreno non privo di contrasti e dilemmi, in cui si impongono difficili scelte su quali cure continuare e su quali sospendere, e in cui ''l'aiuto a morire'' viene a declinarsi come impegno nella terapia del dolore, nelle cure palliative, nella promozione di ''hospice'', nell'attuazione dell'assistenza domiciliare. Ma come intendere quest''aiuto a morire in rapporto al diritto? Quali vie, quali tempi deve percorrere il legislatore per interpretare il ''diritto di morire''? Dalla rilettura della legge olandese, a quella della legge italiana sulla terapia del dolore emergono sensi diversi di intendere i limiti del lecito e dell'illecito dei comportamenti che incidono nel processo del morire. Un processo che avviene in un tempo-limite, ''alle frontiere della vita'', dove si gioca la partita per il si o per il no del senso del nostro vivere in relazione, come uomini tra gli uomini. I casi clinici riportati in appendice testimoniano quanto questa partita sia costantemente aperta nella sofferenza della pratica clinica di ogni giorno.