Alberto Tovaglieri

table { }td { padding-top: 1px; padding-right: 1px; padding-left: 1px; color: black; font-size: 10pt; font-weight: 400; font-style: normal; text-decoration: none; font-family: Arial; vertical-align: bottom; border: medium none; white-space: nowrap; }.xl63 { color: windowtext; }

Ho insegnato Storia contemporanea e Cinema e Storia all'Università di Siena. Inizialmente mi sono occupato dei conflitti tra utopia e realtà dalle rivoluzioni russe del 1905 e 1917 alla nascita del regime staliniano, pubblicando Lenin e i soviet nella rivoluzione del 1905 e ampi articoli sulle difficoltà di Trockij di fronte alla burocratizzazione e alla pianificazione. Negli anni '80 ci sono stati due grandi cambiamenti. Da un lato il desiderio d'indagare un'utopia molto diversa: la speranza nata per la prima volta con il Sessantotto di creare un legame diretto tra la ribellione sociale e la realtà esistenziale degli individui: la "irruzione vita quotidiana nella lotta politica". Dall'altro lato la riscoperta del cinema, non più solo come passione personale, ma come formidabile strumento d'indagine dei legami e delle contraddizioni tra individuo e società. La conclusione di questa seconda fase è stata il libro La dirompente illusione. Il cinema italiano e il Sessantotto 1965-1980.    
Autore (1)
  • La dirompente illusione

    La dirompente illusione
    Il cinema italiano e il Sessantotto 1965-1980

    Special Price €18,70

    Prezzo Pieno: €22,00