Patrizio Foresta
Ad Dei gloriam et Germaniae utilitatem
San Pietro Canisio e gli inizi della compagnia di Gesù nei territori dell'impero tedesco (1543-1555)

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2007, pp 260
Rubbettino Editore, Fede e Spiritualità
isbn: 9788849818666
Il gesuita olandese Pietro Canisio (1521-1597), beatificato nel 1864 da Pio IX, canonizzato e contemporaneamente dichiarato dottore della Chiesa nel 1925 da Pio XI, rappresenta una figura di centrale importanza per la storia della Compagnia di Gesù nei territori dell'Impero tedesco nel XVI secolo. La vita del“secundus Germaniae apostolus”, come lo ha chiamato Leone XIII nel 1897 nell'enciclica Militantis ecclesiae, è stata caratterizzata da un'enorme mole di interessi, di relazioni, di scritti, di contatti diplomatici, di rapporti umani e culturali che Canisio intrecciò nei cinquantacinque anni di appartenenza alla Compagnia di Gesù.
Il presente lavoro indaga i primi dodici anni di attività del gesuita tra Colonia, Messina, Roma, Ingolstadt e Vienna, con particolare attenzione da una parte alla sua biografia spirituale nei primi di appartenenza all'ordine, dall'altra alla storia dell'arrivo e dello sviluppo della Compagnia di Gesù nei territori cattolici dell'Impero.