Ad Contemplandam Sapientiam
Studi di Filologia Letteratura Storia in memoria di Sandro Leanza

Special Price €51,00

Prezzo Pieno: €60,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2004, pp XIV+708
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849810644
Premessa di Giulia Sfameni Gasparro
Per Sandro Leanza
Questo volume, di cui l'Istituto di studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria è coeditore assieme al Dipartimento di studi tardoantichi, medievali e umanistici dell'Università di Messina, raccoglie scritti di insigni colleghi e amici del professor Sandro Leanza, immaturamente scomparso il 16 dicembre 1996, dopo una breve e indomabile malattia.
è un omaggio, un ricordo e una memoria di un illustre studioso nel campo della letteratura cristiana, al quale l'Istituto Cassiodoro è particolarmente legato, perché il professore Leanza ne è stato il fondatore ed ha poi collaborato con grandissimo impegno e immenso lavoro per la crescita, lo sviluppo e l'affermazione dell'Istituto, nel quale ha convogliato, per la collaborazione, un'équipe di noti cattedratici italiani e stranieri, dedicando tenacemente anche il suo tempo per creare una realtà editoriale che è ormai avviata con“Vivarium Scyllacense”,“Bibliotheca Vivariensis” e“Cassiodorus”.
L'Istituto Cassiodoro ha risentito un grande vuoto dopo la sua perdita: il professore Leanza aveva eccezionali capacità di ricerca, profondità di pensiero e ampia visione di programmi e progetti, alcuni dei quali egli aveva abbozzato per il futuro.
Il suo scopo era quello di proporre e avviare iniziative che avrebbero dato lustro nell'ambito della ricerca all'Istituto Cassiodoro: il suo grande sogno era quello di fare raggiungere all'Istituto momenti di alta cultura a livello internazionale, quali si registrano, per esempio, in occasione delle Settimane di Spoleto o dei convegni che si tengono annualmente ad Erice.
Il grande vuoto che ha lasciato in tutti noi, suoi amici e suoi estimatori, ci ha fatto sentire la necessità di offrire questo lavoro, che è come un“fiore” che vuole ricordare il maestro, lo studioso, l'uomo, con grande affetto e con grande stima.
Il nostro impegno è quello di continuare a lavorare perché l'Istituto, creatura pensata, voluta e amata dal professore Leanza, possa sempre più affermarsi e potenziarsi.
Anche la Città di Squillace, che in questo momento mi onoro di rappresentare, si unisce intensamente all'iniziativa, sempre riconoscente all'uomo, allo studioso, all'amico che, con tenacia ed impegno ammirevoli, ha prestigiosamente condiviso, sorretto e valorizzato il patrimonio ideale, culturale, politico e religioso tramandato dal nostro grande Cassiodoro e fiorito sui nostri colli del Vivariense e del Castellense.
(On. dr. Guido Rhodio)