Ascoltiamo Gesù

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00


aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2004, pp 124
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849808097
Ancora una pubblicazione (è la sesta) di Filippo Vecchio: ovviamente sul Vangelo.
è urgente il bisogno di esprimergli subito viva gratitudine e sincera ammirazione.
Egli si autodefinisce un «comune credente», ma dimostra di aver ben capito ciò che è fondamentale anche per il più grande teologo: il Signore ha detto a quanti credono in Lui di andare nel mondo intero ad annunziare il Vangelo a ogni creatura.Ben consapevole di questo mandato già ricevuto nel Battesimo, Filippo Vecchio è stato e vuole continuare ad essere un «servitore del Vangelo».
L'evangelizzazione è peraltro una priorità in questo terzo millennio. Anche nel nostro territorio: anche da noi è reale il rischio dell'indifferenza. In questo mondo che cambia occorre comunque comunicare il Vangelo perché in esso si trova la risposta ai problemi dell'uomo e della storia. Porsi il «caso serio» della fede in Gesù Cristo crocifisso e risorto , è Lui, in fondo, il Vangelo , vuol dire andare alla radice di tutti i problemi: Lui solo ci dona quella libertà interiore che rende possibile e autentica ogni liberazione sociale.
Si comprende, così, perché il Papa all'inizio del secolo ha parlato con chiarezza e con forza del «ruolo preminente» che deve avere nella vita della comunità la Parola di Dio. Dal Vaticano II in poi quanto cammino abbiamo fatto al riguardo: quanto però rimane da fare! Solo la familiarità con la Sacra Scrittura può portare alla contemplazione del volto del Signore, a quella conoscenza esperienziale che porta a pensare, ad amare, a comportarsi come Lui.
Sa bene Filippo Vecchio che non si può evangelizzare se non ci si lascia prima evangelizzare. Ed è per questo che egli legge il Vangelo, studia il Vangelo, riflette sul Vangelo: in un clima di preghiera, in atteggiamento di accoglienza. Certo, per verificare la coerenza della sua vita cristiana, ma anche per aiutare gli altri a farne tesoro. Ed ecco perché ancora una volta offre le sue riflessioni ai suoi fratelli nella fede. L'intento della sua pubblicazione è sempre lo stesso: «contribuire al processo di rievangelizzazione del popolo di Dio».
Si tratta di riflessioni su alcuni episodi del Vangelo (egli stesso premette nell'introduzione perché non sono sistematicamente collegate tra di loro). A Filippo Vecchio interessa una sola cosa: trasmettere ai suoi fratelli la passione per il Vangelo, stimolarli a lasciarsi interrogare dalla Parola del Signore, spingerli a prendere il largo per annunziarla a tutto l'uomo e a tutti gli uomini. La «lettura orante» della Parola di Dio è una grazia a cui vanno iniziati tutti i cristiani.
è significativo il titolo che l'autore dà al suo libro: «Ascoltiamo Gesù». è questo l'atteggiamento del vero discepolo: ascoltare, nel senso della piena disponibilità a quanto il Signore vuole. Aveva un giorno detto con estrema chiarezza: «Beati quelli che ascoltano la Parola di Dio e la mettono in pratica» (Lc 11, 28). La Parola di Dio, d'altronde, si comprende soprattutto vivendola.è per tale motivo che auguriamo alla pubblicazione di cui Filippo Vecchio ci fa dono il più ampio successo. In particolar modo oggi il mondo ha bisogno di testimoni. Non basta parlare di Gesù: occorre farlo vedere. Farlo vedere , come l'autore ribadisce , nella nostra vita, vissuta ogni giorno nel più disinteressato servizio ai fratelli.
(dalla presentazione di Antonio Cantisani, Arcivescovo emerito di Catanzaro-Squillace)